notepad

amiamoci e patiamo.

martedì 29 maggio 2012

Sinistra Ecologia e Libertà: "Fermate TIMPAVIVA, iniziativa deleteria."


Mini-intro per i miei amici che non la conoscono: la Timpa è la costa sul mare di Acireale e dintorni, dichiarata riserva naturale nel 1999,  e le Chiazzette sono un antico tracciato a  terrazzamenti al suo interno, che va dalla Strada Statale 114 alla frazione di S. M. La Scala. Da qualche anno a questa parte io e un giro di amici riuniti sotto il nome di associazione Barock organizziamo una festa per far conoscere questo posto alla gente, Timpaviva, organizzando al suo interno mostre, spettacoli teatrali, performances di giocoleria, laboratori creativi e concerti, ottenendo anche i permessi per fare spettacoli musicali, normalmente vietati all'interno delle riserve naturali. L'obiettivo è quello di attirare più gente possibile per fare delle Chiazzette un luogo conosciuto, da frequentare e mantenere vivo durante tutto l'anno, al contrario dell'abbandono che lo caratterizza da anni, facendolo diventare di fatto un semplice "luogo appartato" buono per fare spaccio, accoppiarsi tra le frasche, darsi al vandalismo o accamparsi con brande improvvisate, farne una discarica abusiva di rifiuti ingombrati come materassi o scooter presumibilmente rubati. E i risultati cominciavano ad arrivare, prova ne è il fatto che in questi ultimi anni si sono moltiplicate attività e iniziative di promozione da parte di altre associazioni e interventi di ripristino da parte degli enti gestori. Proprio in questi giorni, mentre io sono in Piemonte per lavoro, lontano da casa mia e dagli amici che stanno continuando a impegnarsi per organizzare Timpaviva, apprendo che un comitato cittadino proposto dal partito Sinistra Ecologia e Libertà ha preso a cuore le sorti della fauna locale, disturbata dal rullante delle band per tre sere all'anno ma non dal traffico della statale e dai motori dei suv che i proprietari delle case, costruite prima dell'istituzione a riserva, continuano a parcheggiare nelle loro villette all'interno del tracciato. Mossi da tali intenti hanno messo su un comunicato indirizzato a tutti gli enti amministrativi nazionali, regionali, provinciali ecc. che possano mettere un veto all'organizzazione della "deleteria iniziativa". Senza mai parlarne con noi organizzatori, senza aver neanche provato a dirci cosa non andava bene per loro e come fosse possibile rendere l'iniziativa più ecosostenibile. Negli anni abbiamo continuato a coinvolgere tutte le associazioni, specie quelle sensibili alle tematiche ambientali, che hanno poi partecipato con soddisfazione. Nel presente comunicato ci si accusa, oltre che di inquinamento acustico, anche di creare "microdiscariche" sparse per il tracciato, quando noi puliamo accuratamente, a mano, cicca per cicca, PRIMA, DURANTE e DOPO la "deleteria" iniziativa. Nel comunicato la richiesta è chiara: che l'iniziativa sia interrotta, non che sia verificata la pulizia della location e la rimozione dei contenuti musicali dal programma. Questo è quanto, ho frenato il sarcasmo per quanto ho potuto, e cerco di farlo bastare come mio personale commento al comunicato. Presto i miei amici pubblicheranno un comunicato di risposta sul blog della manifestazione. Forse Timpaviva si fermerà qui; a questo punto dipende dalla decisione di anche uno solo tra i quindici enti destinatari dell'interrogazione degli attivisti del "polmone verde acese". Me la sarei persa comunque, probabilmente. Sarei almeno contento di vedere la solidarietà di chi c'è stato e ha visto come stanno le cose. Perché è sempre amaro rendersi conto di aver buttato via il proprio tempo, specie quando sottratto ad altro a caro prezzo e con la convinzione di fare qualcosa di buono.

Una scultura di Ezio Scandurra esposta nella seconda edizione di TIMPAVIVA.

Riporto in calce l'intero comunicato.



La Timpa di Acireale, Sito di Interesse Comunitario (SIC) ITA 07004, dal 1999 è Riserva naturale orientata, azione di tutela che ha confermato come questa rappresenti una delle aree naturali più suggestive della nostra Regione, un vero e proprio polmone verde della nostra città.

L’istituzione dell’area protetta è stata il frutto delle azioni di cittadini ed associazioni ambientaliste acesi, una conquista concreta ottenuta dopo anni di mobilitazione che hanno coinvolto a più riprese migliaia di persone in diverse attività di impegno civico.
La Riserva della Timpa è, dunque, un bene comune, perché rappresenta un patrimonio di tutto il territorio e delle donne e degli uomini che lo vivono. 
Il Comitato “Timpa Nostra”, proposto dal circolo acese di Sinistra Ecologia Libertà, intende impegnarsi per una significativa ed efficace valorizzazione del territorio, un comitato aperto a tutte le associazioni, i movimenti, i partiti ed i cittadini che hanno a cuore questo nostro patrimonio naturale.
La presente intende sottoporre, perciò, alla Vostra attenzione alcuni elementi di generica valutazione relativa all’ordinaria gestione della Riserva e della sua realizzazione.
Questa lettera non vuole in alcun modo essere esaustiva, ma rappresenta la prima versione di un ragionamento iniziato collettivamente, che diventerà via via più completo ed approfondito nei suoi singoli aspetti.
E’ un dato di fatto, purtroppo, che la Timpa, negli ultimi anni, versi in uno stato di totale abbandono e che ospiti l’organizzazione di eventi in violazione delle disposizioni regolamentari del DA del 23 aprile 1999.
Considerate le norme che emergono dal regolamento istitutivo della Riserva, ci chiediamo, in particolare, come il Corpo Forestale non sia riuscito a garantire neanche l’ordinaria amministrazione di un’area protetta.
Ma, soprattutto, la nostra comunicazione intende porre l’attenzione su due eventi che riteniamo in contrasto con l’Art. 2, lett. A, punto 2.1 (Regolamento e modalità d’uso e divieti), lett. aa-bb.

Innanzitutto, nonostante l’esplicito divieto previsto dal Regolamento, la Timpa ospita da diversi anni l’iniziativa “TimpaViva”, realizzata nel corso della stagione estiva (quest’anno si svolgerà il 13, 14 e 15 luglio) che provoca, puntualmente, micro discariche in diversi punti delle Chiazzette, ma soprattutto rumori non consentiti in un’area che dovrebbe proteggere anche la sua fauna; in particolar modo ci riferiamo alla musica dal vivo effettuata da gruppi giovanili e da “dj set”; per comprendere l’impatto dell’iniziativa ed il genere di attività (non tutte) realizzate basta visionare i video presenti on line e relativi alle edizioni precedenti.

Come se non bastasse ancora, la nostra Timpa ospiterà il sorvolo della Pla Pattuglia acrobatica nazionale dell’Aeronautica Militare “Frecce Tricolori” tornerà ad esibirsi ad Acireale domenica 10 giugno 20attuglia Acrobatica Nazionale dell’Aeronautica Militare “Frecce Tricolori” (evento già realizzato qualche anno fa e che si ripeterà il 10 giugno c.a.), iniziativa che, a nostro parere, apporta disturbo alla fauna e comporta un considerevole inquinamento acustico ed atmosferico; inoltre, l’alta affluenza di visitatori all’evento pongono importanti problemi per la sicurezza degli stessi, che anche nel corso della scorsa edizione sono stati sottovalutati.


Il Comitato “Timpa Nostra” chiede di conoscere i provvedimenti amministrativi che vorrete adottare in merito ai fatti sopracitati, nella speranza che si proceda verso un’interruzione di queste deleterie iniziative ed una totale sospensione di quanto provoca inaccettabili danni naturali.

Il presente documento è stato inviato a:

Azienda Foreste Demaniali
Ufficio Territoriale


Azienda Regionale Foreste Demaniali
Servizio 4° Programmazione Interventi C
Gestione Tecnica Aree Protette e Riserve Naturali

Assessorato Regionale Territorio Ambiente
- Dirigente Generale

- Servizio 6/ D.T.A. U.O. Gestione Riserve Naturali
- Servizio 2/ D.T.A. U.O. Valutazione di Incidenza
- Servizio 4/D.T.A.
- Consiglio Regionale per la Protezione del Patrimonio Naturale

Comitato Tecnico Scientifico Provinciale
c/o Assessorato Territorio Ambiente

Ispettorato Ripartimentale delle Foreste di Catania

Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali

Servizi Beni Paesaggistici, Naturali ed Urbanistici

Distaccamento Forestale di Giarre

Sindaco del Comune di Acireale

Assessorato alle Politiche di tutela del territorio 
e Timpa del Comune di Acireale