notepad

amiamoci e patiamo.

sabato 8 febbraio 2014

un esteta


Non è sempre facile tollerla. Ma bisogna farci i conti, perché è sempre con lei che ti confronti. Lo fai pur conoscendo l'esito. Continuerai a farlo e a uscirne male.

Ogni tanto, per pochi giorni, t'abbandona. Impari presto che a niente servono le tue suppliche da innamorato, se non a tenerla lontana. Ma lei gioca al gatto col topo, e solo quando torna ti rendi conto che in quei pochi giorni avevi vissuto davvero, contato su te stesso, scoperto di non essere sempre solo.

E non credere di poter contare su quella consapevolezza. Anche se non pensi sia possibile, te ne dimenticherai presto. Non perderai il ricordo di quei giorni, ma il ricordo delle sensazioni che li hanno resi preziosi. Solo alcune tracce te ne resteranno addosso; ma a lei le offrirai in pegno, al suo ritorno.

Le sensazioni di ogni momento passato con lei, immerso in lei, invece si ripresentano nitide alla tua memoria, lucide che ti ci puoi specchiare. E trovarti inadeguato.

I don't know what more to ask for 
I was given just one wish